Il territorio

Il territorio

Negli ultimi decenni la città di Quartu Sant’Elena è passata da un’economia prevalentemente agricola ad un’economia diversificata nel settore dell’edilizia e dei servizi e ha subito un forte incremento demografico, costituita da nuclei familiari provenienti dalle zone circostanti e da una quota significativa di extra-comunitari. Questa nuova dimensione economica e sociale ha avuto effetti sul piano socio-culturale, innescando fenomeni di disagio sociale, soprattutto giovanile, e riproponendo in termini nuovi il problema della costruzione della propria identità personale e sociale dei giovani, alla quale l’istituzione scolastica può almeno in parte dare una risposta. In tale contesto territoriale e cittadino, la frequenza degli studenti del Liceo “G. Brotzu” può costituire un’esperienza che lascia una traccia nel vissuto personale e costituisce un momento fondamentale dell’identità culturale del futuro cittadino. Tali cambiamenti hanno determinato l’ampliamento della domanda di formazione, istruzione ed educazione, ed esigono una risposta articolata, pluralistica e multiculturale, da parte degli istituti di formazione secondaria superiore.

Concordemente con l’ Assessorato alla P.I. del Comune di Quartu Sant’Elena e con l’assenso dell’Assessorato alla P. I. della Provincia di Cagliari, il Liceo Brotzu ha attuato un’azione volta a incrementare le opportunità di formazione scolastica, al fine di soddisfare la domanda di istruzione e di educazione superiore provenienti dal territorio circostante, che ha sempre considerato con grande attenzione. Ha realizzato una politica di sviluppo scolastico diventando matrice di altre due sezioni annesse, prima quella del Liceo Classico e successivamente quella del Liceo delle Scienze sociali, la quale ha determinato l’incremento degli alunni iscritti in questo istituto, contribuendo indirettamente alla lotta contro la dispersione scolastica, e ha consentito l’aumento dei posti di lavoro sia per il personale docente che del personale non docente.

Mediante il Piano dell’Offerta Formativa, ha attivato un rapporto di collaborazione proficua con gli Enti locali territoriali, per promuovere iniziative formative e culturali quali le molteplici attività nel campo del teatro e dell’audiovisivo, della storia della Sardegna, della cittadinanza, dello sport, costituendo un punto di riferimento culturale per la collettività cittadina, ponendo in essere progetti di sperimentazione che hanno avuto una ricaduta culturale grazie agli sforzi congiunti fra i referenti dei progetti e i Consigli di classe per conciliare le attività extrascolastiche con le attività curricolari regolari.
Ha collaborato con l’Università della Terza età di Quartu e, da ben cinque anni, con il contribuito degli insegnanti del Liceo realizza attività di tirocinio per i laureati che vogliono intraprendere la carriera dell’insegnante in collaborazione con la SSIS. Ha attivato un proficuo rapporto di collaborazione con le figure dell’equipe psico-medico-pedagogica della ASL di Quartu S. Elena per il trattamento delle difficoltà di apprendimento negli alunni con disabilità, e con gli psicologi del SERT nella realizzazione settimanale di un servizio di ascolto rivolto agli studenti per la prevenzione delle problematiche giovanili.
Collabora da cinque anni con il Centro Orientamento d’Ateneo dell’Università di Cagliari per favorire ai nostri alunni alla fine del percorso formativo Liceale, una scelta consapevole del Corso di Studi Universitario.
Tale politica di sviluppo seguita dal Liceo “Brotzu” si scontra oggi con la cronica carenza di strutture edilizie scolastiche nel territorio, incapaci di soddisfare l’incremento di studenti iscritti al nostro Liceo, e attende ancora oggi una risposta definitiva da parte degli Enti locali

 

 

Questo sito fa uso di Cookie per migliorare la navigazione del sito.

Facendo click su qualunque link della pagina si accetta il loro utilizzo.