brotzu school

spazio riservato al libero scambio di idee, pensieri e parole

La 33° giornata in breve

10/04/2006

Si è conclusa ieri con il posticipo Juventus – Fiorentina 1-1 la 33° giornata del campionato di serie A. In goal per la formazione viola il bomber Toni, al quale ha risposto il rientrante capitano dei bianconeri Del Piero. 
Problemi di formazione per mister Capello, che non ha potuto schierare oltre allo squalificato Cannavaro, Buffon, poiché durante la fase di riscaldamento il numero 1 della Juve e della nazionale, è stato costretto a dare forfait. Ha quindi mandato in campo Abbiati che ha mostrato, ancora una volta, di meritare la maglia di titolare con una buona prestazione. La sua partita è stata inoltre arricchita da un rigore parato a Jimenez. 
La giornata è stata caratterizzata da vari movimenti di classifica e dal primo verdetto della stagione. Infatti, al Treviso ultimo in classifica, non potrà riuscire il miracolo di salvarsi poiché la sconfitta di ieri lo condanna matematicamente alla serie B. 
Questa le è stata inflitta dal Messina che si avvicina al Cagliari, quartultimo, a +2 sulla formazione allenata dall’ex Ventura. I sardi hanno pareggiato contro il Palermo che ormai si era arreso alla sconfitta ma che grazie ad un’uscita poco fortunata dell’estremo difensore Campagnolo, che era andato a sostituire l’infortunato Chimenti, è riuscito nei minuti di recupero a portare a casa un punto prezioso. 
La Roma grazie alla vittoria di ieri e al pareggio della Fiorentina si posiziona al quarto posto. Larga vittoria del Parma, che infligge una pesante sconfitta alla Reggina, e grazie alle ultime prestazioni si sta portando nelle zone tranquille della classifica, per non dire ai margini della zona Uefa. 
Vince anche il Milan che consolida il secondo posto e si porta a -7 dalla capolista, al contrario l’Empoli cerca di allontanarsi dalle zone calde della classifica e lo fa vincendo contro la Sampdoria. 
Negli anticipi vittorie per Inter, duramente contestata dopo l’eliminazione in Champions, e Udinese che sconfigge il Livorno di Mazzone ancora a secco di vittorie.

Stefano Deiana