brotzu school

spazio riservato al libero scambio di idee, pensieri e parole

I mondiali di calcio si avvicinano

09/05/2006

Lo sapevo che qualcuno, di indole sportiva, si sarebbe sentito fortemente attratto da questo articolo. 
Ebbene vi ho ingannato : il mio scopo è tutt’altro, di natura prettamente geografica, e mi è stato ispirato da un’inchiesta recentemente trasmessa in uno dei tanti Tg nazionali sull’ignoranza geografica degli abitanti degli Stati Uniti. Pensate, si diceva, che molti statunitensi non sanno dove si trovano l’Ohio e l’Oklahoma; che scandalo come se tutti gli italiani sapessero dove si trova , ohimé, il Molise! (Chissà se quel simpaticissimo alunno a cui l’ho chiesto leggerà mai questo articolo). 
Ma bando alle ciance: io vorrei soltanto che il 12 giugno, seguendo la partita almeno qualcuno abbia coscienza di dove si trova il GHANA. 
Si tratta di uno stato dell’Africa occidentale, che si affaccia sul golfo di Guinea; non è molto vasto, ma neanche tanto piccolo, circa 240.000 kmq, più o meno l’80% del territorio italiano, distribuiti diciamo in maniera più compatta, ma molti meno abitanti, circa 20 milioni, la metà dei quali ha meno di 15 anni di età; d’altronde la natalità è fra il 20 e il 30 per mille, la mortalità infantile supera il 100 per mille e la speranza di vita si ferma intorno ai 60 anni . Vanta una storia antica e interessante e vari sono i siti che vi consentono di approfondirla: io vi ricordo solo che pur avendo ottenuto nel 1957 l’indipendenza dalla Gran Bretagna e facendo ancora parte del Commonwealth, in origine però per primi arrivarono i portoghesi, verso la fine del XV sec., che avviarono sia lo sfruttamento delle miniere d’oro, sia la tratta degli schiavi. 
La capitale è Accra e tutti i siti parlano di una natura ricca e rigogliosa, ricca di foreste pluviali, verdi vallate e un importante parco nazionale; il Ghana è abitato da una popolazione cordiale e ospitale, ma se volete visitarlo attenti! Colera, malaria e febbre gialla sono purtroppo diffusissime. 
Insomma dev’essere proprio una bella nazione, (e non può non esserlo il secondo produttore mondiale di cacao!) e allora appuntamento il 12 giugno tutti sul divano a tifare Italia, ma con una briciola di affetto in più per i nostri avversari. 
Lapinna