brotzu school

spazio riservato al libero scambio di idee, pensieri e parole

Nuove discipline sportive

05/06/2006

Nuove discipline sportive 

Sono state presentate in Italia, alla fiera di Rimini, delle nuove discipline sportive 
divertenti e alternative alle normali attività in palestra e all’aperto. 
Quella che sta riscuotendo maggior successo è la retrorunning disciplina nata negli Stati Uniti che consiste nel “correre all’indietro”, (fa bruciare un terzo di calorie in più rispetto alla corsa normale e potenzia i muscoli antagonisti. 
Altra disciplina che sta avendo un buon successo è la free running, nata in Francia, che si pratica in città muovendosi in linea retta superando gli ostacoli che si incontrano saltando, arrampicandosi. 
Fra gli sport di squadra stanno avendo successo “il calcio palustre”, che si gioca nella melma e lo sky soccer il calcio praticato sui tetti dei condomini; l’hitball che consiste In una sfida di due squadre di cinque giocatori ciascuna che all’interno di un parallelepipedo cercano di segnare sfruttando i rimbalzi sulle pareti e soffitto colpendo il pallone con ogni parte del corpo, escluso i piedi al ritmo della musica rap.

Giuseppe Congera

g.c.

37° giornata del campionato di calcio

24/05/2006

Ormai il campionato è agli sgoccioli. Alla fine della stagione manca una sola, ma decisiva giornata. Mentre le retrocessioni sono già certe, per la capolista Juventus, il titolo non è ancora sicuro. Sembrava un campionato già vinto ma diversi risultati non esaltanti hanno fatto perdere ai bianconeri il cospicuo vantaggio accumulato sul Milan. 
La 37° giornata ha visto un Cagliari già salvo, perdere ad Udine per 2 a 0. La partita ha visto l’entrata in campo di Al Saadi Gheddafi, alla sua seconda presenza nel campionato di serie A, che è andato a sfiorare il goal. 
Il già retrocesso Lecce ha pareggiato per 0 a 0 in casa contro il Chievo, che nonostante il risultato, andrà in coppa Uefa. 
L’Ascoli pur perdendo in casa per 4 a 1 contro la Lazio, ha ricevuto l’applauso dei suoi tifosi per la conquista della promozione. Il Parma ha perso per 3 a 2 contro un Milan scatenato e determinato, alla ricerca della vittoria per sperare ancora nel tricolore. La Juventus ha vinto per 2 a 1 in casa contro il Palermo, l’incontro è stato caratterizzato dal ritorno al goal di Ibrahimovic. La Fiorentina per mettere al sicuro la qualificazione per i preliminari di Champions è andata a vincere per 5 a 2 contro la Reggina. 
Livorno e Sampdoria hanno pareggiato per 0 a 0, mentre l’Inter ha ottenuto l’ennesimo pareggio deludente contro il Siena per 1 a 1. La Roma, che cerca di andare ai preliminari di Champions, ha sconfitto per 1 a 0 il Treviso e rimane sempre a -2 dalla Fiorentina, squadra che la precede. 
Brutto episodio nella partita tra Messina ed Empoli. La partita è stata sospesa a pochi minuti dalla fine, in seguito al terzo lancio di oggetti in campo da parte del pubblico messinese. La partita stava terminando con il punteggio di 2 a 1, ora per il Messina arriverà la sconfitta a tavolino per 3 a 0 e la squalifica del campo. Davvero un brutto modo per salutare la serie A. 
Ecco i risultati completi: 

37^ giornata  07/05/2006

Udinese

Cagliari

 2

 0

Lecce

Chievo

 0

 0

Messina

Empoli

 1

 2

Ascoli

Lazio

 1

 4

Parma

Milan

 2

 3

Juventus

Palermo

 2

Fiorentina

Reggina

 5

 2

Livorno

Sampdoria

 0

 0

Inter

Siena

 1

 1

Roma

Treviso

 1

 0

Classifica Marcatori

Giocatore 

Nazionalità

Squadra 

Goals  

Toni 

ITA

Fiorentina

30

Trezeguet

FRA 

Juventus 

22

Suazo

HON

Cagliari  

21 

Shevchenko

UKR

Milan

19  

Lucarelli 

ITA  

Livorno  

19

 

Stefano Deiana

I mondiali di calcio si avvicinano

09/05/2006

Lo sapevo che qualcuno, di indole sportiva, si sarebbe sentito fortemente attratto da questo articolo. 
Ebbene vi ho ingannato : il mio scopo è tutt’altro, di natura prettamente geografica, e mi è stato ispirato da un’inchiesta recentemente trasmessa in uno dei tanti Tg nazionali sull’ignoranza geografica degli abitanti degli Stati Uniti. Pensate, si diceva, che molti statunitensi non sanno dove si trovano l’Ohio e l’Oklahoma; che scandalo come se tutti gli italiani sapessero dove si trova , ohimé, il Molise! (Chissà se quel simpaticissimo alunno a cui l’ho chiesto leggerà mai questo articolo). 
Ma bando alle ciance: io vorrei soltanto che il 12 giugno, seguendo la partita almeno qualcuno abbia coscienza di dove si trova il GHANA. 
Si tratta di uno stato dell’Africa occidentale, che si affaccia sul golfo di Guinea; non è molto vasto, ma neanche tanto piccolo, circa 240.000 kmq, più o meno l’80% del territorio italiano, distribuiti diciamo in maniera più compatta, ma molti meno abitanti, circa 20 milioni, la metà dei quali ha meno di 15 anni di età; d’altronde la natalità è fra il 20 e il 30 per mille, la mortalità infantile supera il 100 per mille e la speranza di vita si ferma intorno ai 60 anni . Vanta una storia antica e interessante e vari sono i siti che vi consentono di approfondirla: io vi ricordo solo che pur avendo ottenuto nel 1957 l’indipendenza dalla Gran Bretagna e facendo ancora parte del Commonwealth, in origine però per primi arrivarono i portoghesi, verso la fine del XV sec., che avviarono sia lo sfruttamento delle miniere d’oro, sia la tratta degli schiavi. 
La capitale è Accra e tutti i siti parlano di una natura ricca e rigogliosa, ricca di foreste pluviali, verdi vallate e un importante parco nazionale; il Ghana è abitato da una popolazione cordiale e ospitale, ma se volete visitarlo attenti! Colera, malaria e febbre gialla sono purtroppo diffusissime. 
Insomma dev’essere proprio una bella nazione, (e non può non esserlo il secondo produttore mondiale di cacao!) e allora appuntamento il 12 giugno tutti sul divano a tifare Italia, ma con una briciola di affetto in più per i nostri avversari. 
Lapinna 

 

34° giornata del campionato di calcio

20/04/2006

La 34° giornata del campionato di calcio, non è stata affatto avara di emozioni. 
Una delle partite più emozionanti è stata quella tra Palermo e Roma. 
I giallorossi in vantaggio per 3 reti a 0, nel secondo tempo si sono fatti recuperare dai rosanero letteralmente scatenati che hanno sfiorato anche la vittoria, cosa che ha fatto anche la Roma negli ultimi minuti, cercando di evitare una clamorosa beffa. La Fiorentina, ha quindi approfittato del mezzo passo falso della diretta concorrente per un posto in champions league. 
I ragazzi di Prandelli, hanno infatti battuto per 3 a 1 un Treviso ormai retrocesso, ma deciso a non concedere facili vittorie. Importanti vittorie anche per la Reggina che batte l’Ascoli per 2 a 0 e, per il Chievo, che batte il Messina per 2 a 0. Sembra ormai che l’avventura di Mazzone sulla panchina del Livorno stia per terminare. Gli amaranto hanno infatti perso, all’Olimpico, la partita con la Lazio per 3 a 1. 
In fondo alla classifica, successi importantissimi in chiave salvezza, per l’Empoli che batte il Siena, ed è quasi salvo, e per l’Udinese che batte un Lecce quasi retrocesso. Il Parma, batte una Sampdoria sempre più in crisi, e conquista matematicamente la salvezza. 
Pareggio-beffa per il Cagliari di Nedo Sonetti, impegnato contro la capolista Juventus. I rossoblu hanno infatti subito il goal del pareggio Juventino al 96’. 
I sardi erano passati in vantaggio al 43’ del primo tempo con un rigore segnato da Suazo, concesso per l’atterramento di Langella da parte di Zambrotta. Anche i bianconeri hanno beneficiato del rigore. Sul dischetto è andato Del Piero, ma Chimenti, estremo difensore cagliaritano l’ha neutralizzato. Allo scadere la rete siglata da Cannavaro ha fissato il risultato sull’1 a 1. 
La partita è stata caratterizzata da un finale convulso, che ha visto le espulsioni per protesta, di due giocatori del Cagliari, Abeijon e Langella. L’anticipo, il derby tra Milan è Inter, ha visto la vittoria dei rossoneri.

Stefano Deiana

La 33° giornata in breve

10/04/2006

Si è conclusa ieri con il posticipo Juventus – Fiorentina 1-1 la 33° giornata del campionato di serie A. In goal per la formazione viola il bomber Toni, al quale ha risposto il rientrante capitano dei bianconeri Del Piero. 
Problemi di formazione per mister Capello, che non ha potuto schierare oltre allo squalificato Cannavaro, Buffon, poiché durante la fase di riscaldamento il numero 1 della Juve e della nazionale, è stato costretto a dare forfait. Ha quindi mandato in campo Abbiati che ha mostrato, ancora una volta, di meritare la maglia di titolare con una buona prestazione. La sua partita è stata inoltre arricchita da un rigore parato a Jimenez. 
La giornata è stata caratterizzata da vari movimenti di classifica e dal primo verdetto della stagione. Infatti, al Treviso ultimo in classifica, non potrà riuscire il miracolo di salvarsi poiché la sconfitta di ieri lo condanna matematicamente alla serie B. 
Questa le è stata inflitta dal Messina che si avvicina al Cagliari, quartultimo, a +2 sulla formazione allenata dall’ex Ventura. I sardi hanno pareggiato contro il Palermo che ormai si era arreso alla sconfitta ma che grazie ad un’uscita poco fortunata dell’estremo difensore Campagnolo, che era andato a sostituire l’infortunato Chimenti, è riuscito nei minuti di recupero a portare a casa un punto prezioso. 
La Roma grazie alla vittoria di ieri e al pareggio della Fiorentina si posiziona al quarto posto. Larga vittoria del Parma, che infligge una pesante sconfitta alla Reggina, e grazie alle ultime prestazioni si sta portando nelle zone tranquille della classifica, per non dire ai margini della zona Uefa. 
Vince anche il Milan che consolida il secondo posto e si porta a -7 dalla capolista, al contrario l’Empoli cerca di allontanarsi dalle zone calde della classifica e lo fa vincendo contro la Sampdoria. 
Negli anticipi vittorie per Inter, duramente contestata dopo l’eliminazione in Champions, e Udinese che sconfigge il Livorno di Mazzone ancora a secco di vittorie.

Stefano Deiana