brotzu school

spazio riservato al libero scambio di idee, pensieri e parole

Storia delle mie musiche

06/06/2006

Come ogni persona della terra,anche io dedico buona parte della vita alla musica e la musica è dedicata ad alcuni momenti della mia vita;io con essa ho pianto e riso,mi sono arrabbiato con lei. 
A lei ho dedicatoli mio stile di scrittura e il modo di vestirmi e comportarmi solo per queste note melodiche o questo sfrenato fracasso chiamato musica 
A prima vista si puo capire subito che musica ascolto:il RAP anche se poi mi piace pure la musica classica ,il rock e la musica Zen. 
A volte solletico la mia mente creandomi degli ambienti musicali,infatti ascolto brani musicali di ogni genere solo in base al mio stato d’animo,e abbino diverse canzoni a diverse attività solo per spingere al massimo anche psicologicamente le mie prestazioni,cerco pure di abbinare i diversi generi ai libri per sentirmi ancora d più all interno di ciò che stò leggendo. 
Le canoniche sento rispecchiano il mio essere e mi definiscono a chi ha abbastanza orecchio per capire il loro significato. 
I miei gruppi preferiti sono arrabbiati col mondo e ovviamente pure io ho dei problemi con l’intero mondo per tutti i problemi che anche io in piccola parte contribuisco a creare. 
Allo stesso tempo fanno capire quanto io ami divertirmi, solo leggendo i testi , si vede quanto la mia vita sia dedicata alle feste,alle ragazze che vorrei conquistare ma non ci riesco etc… 
Ovviamente c’è il mio lato musicale buono,siccome sono amante della cultura asiatica e della meditazione non può non piacermi l’ambigua musica Zen. Poi ci sono il jazz,il blues e come non dimenticare il Gospell,la strana arte della musica nera in chiesa come Luis Armstrong . 
Certo forse molta gente può definire ciò che ascolto robaccia e disprezzarla ma la musica che ascolto è la mia anima,è il mio involucro,la mia difesa,è l’unica spalla su cui puoi piangere,è un’arte,è la mia vita.

Andrea Mossa